Logo

Cammino di S. Olav

OlavIl Cammino di Sant’Olav (o Olaf) consiste in una rete di più di 5000 km nella regione Scandinava, di cui più 2000 km in Norvegia. I luoghi di partenza sono molti ma la meta finale è la cattedrale di Nidaros - Trondheim, luogo di sepoltura del santo re norvegese.
Sant’Olav, patrono di Norvegia, era una figura molto popolare nel Medioevo. L’itinerario di Sant’Olav è un cammino di pellegrinaggio che si snoda attraverso Norvegia, Svezia e Danimarca per giungere a Trondheim; ha ricevuto la menzione di Itinerario Culturale Europeo del Consiglio d’Europa nel maggio 2010.
Sant’Olav era il re degli Scandinavi, al secolo Olav Haralsson, che nacque in Norvegia nel 995 e fu martirizzato a Stiklestad, vicino a Trondheim, il 29 luglio 1030. Strinse rapporti significativi con i Conti di Normandia, con i reali d’Inghilterra e con la Russia: il suo obiettivo era quello di unire la Norvegia in un grande Regno cristiano. Fu proprio questo suo ideale a condurlo alla battaglia di Stiklestad, dove venne ucciso. Nel 1031, il vescovo Grimkjell lo proclamò Santo, dando il via ai pellegrinaggi alla sua tomba. Da allora, numerose chiese e cappelle sono state dedicate a questa figura in tutta Europa. La più antica immagine di Sant’Olav è dipinta a Betlemme, nella basilica della Natività.
La storia di Sant’Olav, con particolare riferimento al tema dei diritti delle donne e alla costituzione di una struttura democratica legata alla Norvegia (la Legge di Sant’Olav è alla base della Costituzione norvegese) ne fanno un soggetto di studio interessante ed attuale.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni